TEL. 0434 504 711 | FAX 0434 504 747 | info@gea-pn.iteco@pec.gea-pn.it

Oli alimentari usati e di frittura

Gli olii alimentari esausti devono essere conferiti al Centro di Raccolta o negli appositi contenitori stradali che il Comune ha dislocato sul territorio per facilitarne la raccolta.


MAPPA DEI CONTENITORI OLIO ALIMENTARE ESAUSTO

  • Via G. Carducci – dietro palestra comunale;
  • Via Del Mas – Centro di Raccolta

Gli olii vegetali, quali ad esempio l’olio di oliva o di semi vari, ma anche i grassi vegetali ed animali, come il burro e la margarina, che residuano dalla cottura e dalla frittura, non devono essere versati in fognatura o dispersi nell’ambiente, perché fortemente inquinanti.

Se avviato a trattamento, l’olio alimentare esausto può invece essere trasformato in altri prodotti industriali (saponi, tensioattivi, inchiostri, ecc.) o in biodiesel, carburante alternativo a basso impatto ambientale.

Il C.O.N.O.E. (Consorzio obbligatorio nazionale di raccolta e trattamento degli olii e grassi vegetali ed animali esausti), assicura che vengano avviati agli impianti convenzionati e siano effettivamente recuperati. Affinché questo processo possa avvenire correttamente, è fondamentale che nei raccoglitori non vengano introdotti residui di alimenti solidi, olii minerali (come quelli usati per lubrificare i motori) e altri prodotti chimici di qualunque natura.


Attenzione: nel contenitore è vietato versare l’olio motore o altri liquidi che non siano oli esausti usati per la cottura o la conservazione dei cibi.
Non lasciare altri contenitori (vasetti, latte, bottiglie ecc.) piene di olio esausto a terra!
logo