TEL. 0434 504 711 | FAX 0434 504 747 | info@gea-pn.iteco@pec.gea-pn.it
  • Home
  • Prata di Pordenone

Servizi di raccolta: martedì 8 settembre 2020


COMUNE DI PORDENONE

In occasione della festività di Martedì 8 settembre 2020 lo sportello e gli uffici di via Savio 22 Pordenone saranno CHIUSI.

• il servizio di raccolta porta a porta secco residuo ZONA B (AREA ESTERNA) è OPERATIVO

• il servizio di raccolta porta a porta secco residuo ZONA 4 (AREA NORD E SUD) è OPERATIVO


• il servizio di raccolta porta a porta imballaggi in plastica e metalli (ZONA CENTRO E CENTRO STORICO) è OPERATIVO

• il servizio di raccolta porta a porta imballaggi in cartone utenze commerciali (ZONA CENTRO E CENTRO STORICO) è OPERATIVO

• il CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE sarà CHIUSO

Servizi di raccolta: sabato 15 agosto 2020


COMUNE DI PORDENONE

Sabato 15 agosto 2020
• il servizio di raccolta porta a porta secco residuo
ZONA F (AREA ESTERNA) è OPERATIVO
• il centro di Raccolta Comunale sarà CHIUSO


COMUNE DI CORDENONS

Sabato 15 agosto 2020
• il centro di Raccolta Comunale sarà CHIUSO

COMUNE DI ROVEREDO IN PIANO

Sabato 15 agosto 2020
• il centro di Raccolta Comunale sarà CHIUSO


COMUNE DI SAN QUIRINO

Sabato 15 agosto 2020
• il centro di Raccolta Comunale sarà CHIUSO

COMUNE DI PRATA DI PORDENONE

Sabato 15 agosto 2020
• il servizio di raccolta porta a porta secco residuo
ZONA A è OPERATIVO
• il centro di Raccolta Comunale sarà CHIUSO

GEA INFORMA: APPROVATO IL BILANCIO 2019

Approvato il Bilancio 2019 di GEA – Gestioni Ecologiche e Ambientali – SPA.

Pordenone, 30 giugno 2020

GEA si conferma ancora una volta come una delle più solide e floride realtà nella gestione dei Rifiuti Solidi Urbani in Friuli Venezia Giulia. L’Azienda di igiene urbana pordenonese ha chiuso il 2019 con un valore della produzione pari a 11.440.111 euro, in aumento rispetto al 2018. L’utile è stato di circa 435.000 mila euro.

La Società ha raccolto l’invito del Comune di Pordenone di distribuire quota parte degli utili dell’esercizio 2019, per le componenti sociali e produttive più colpite dall’emergenza sanitaria.

Ciò rappresenta una grande scelta di responsabilità, nonostante l’impiego di risorse proprie per garantire i servizi in periodo di emergenza COVID-19 e che comunque non ha impedito all’azienda di mantenere performance di qualità e di espandersi sul territorio, investendo in risorse tecnologiche, mezzi e personale qualificato.

La società ha quindi proposto all’Assemblea di distribuire parte dell’utile ai propri Soci, per un importo complessivo pari ad € 255.740,44, in misura proporzionale alle quote possedute.


Nel corso del 2019 GEA ha operato in sei comuni della provincia di Pordenone, tra cui il capoluogo stesso, e servito una popolazione di circa 92mila abitanti, con risultati eccezionali in termini di raccolta differenziata (85% come media di bacino).

La produzione totale è stata pari a 503 kg pro capite/anno e, per il solo rifiuto secco a smaltimento, a circa 75 kg pro capite/annuo, risultato importante che permetterà a gran parte dei comuni serviti di rientrare anche quest’anno nella categoria “rifiuti free” della classifica stilata da Legambiente per il concorso Comuni Ricicloni.


Anche nell’edizione “Comuni Ricicloni 2019”, Pordenone è stato premiato come miglior primo capoluogo di provincia del Friuli Venezia Giulia, e secondo sul territorio nazionale. Anche il Comune di Montereale Valcellina è entrato in classifica, per i Comuni sotto i 5.000 abitanti, con una produzione pro capite di secco residuo pari a 65,5 kg/anno.


Per quanto riguarda la raccolta differenziata questa è salita ulteriormente giungendo all’84,97% (dati in attesa di validazione da parte di ARPA FVG).


L’impegno profuso dalla società si è concentrato anche nell’osservanza delle disposizioni dell’ARERA (Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente) e dell’AUSIR (Autorità Unica per i Servizi Idrici e i Rifiuti).

Le prospettive per il 2020 sono di ulteriore crescita ed efficientamento, testimoniati non solamente dall’incremento/razionalizzazione di servizi in alcuni comuni, ma anche dagli investimenti previsti per l’introduzione di sistemi volti ad ottenere una RD più spinta e un miglioramento della qualità del rifiuto raccolto in via differenziata.

Una partita ancora tutta da giocare, in uno dei territori tra i più verdi e vivibili d’Italia.

logo